Juniores: promossa ai regionali

Al termine di questa complicata stagione, mentre continua l’incertezza su quella che sarà la categoria della prima squadra, è arrivata la prima risposta ufficiale sul settore giovanile: la nostra juniores prima in classifica con 5 punti di vantaggio sulla seconda al momento del lock down è promossa ai regionali.

Vincere un titolo sul campo ha sempre un sapore differente, ma il buon lavoro portato avanti da mister Imburgia, dal DS Simone Morandi e da tutto lo staff della juniores ha reso possibile una stagione cominciata in maniera complicata finire, seppur non sul campo, nel modo desiderato.

Mister Imburgia durante la cena di chiusura della stagione con i suoi ragazzi, si dice: “Contento del risultato ottenuto con i suoi ragazzi, siamo partiti in maniera difficile con pochi ragazzi a Luglio ma con l’aiuto del DS abbiamo costruito una squadra competitiva, che ha dato anche modo di portare giocatori in prima squadra con ottimi risultati.”, prosegue:”il risultato è arrivato lontano dal campo ma il lavoro e i punti di vantaggio dicono che il titolo lo abbiamo meritato.”.

Il ds Morandi si dice: “Contento dell’ottimo risultato raggiunto da parte della juniores, è una soddisfazione immensa aver centrato l’obbiettivo di tornare nei regionali soprattutto perchè, la vetrina che dà la categoria regionale, nella costruzione di un progetto con una crescita costante è fondamentale.

“L’obbiettivo per nulla scontato faceva parte di una programmazione fatta a inizio stagione, la soddisfazione doppia da condividere con tutto lo staff è la crescita della squadra, lavorando in anticipo di un anno con l’andare a selezionare ragazzi del 2002 in anticipo di un anno sulla stagione, con l’80% di 2002.”

Conclude complimentandosi: “Un -bravo- al mister che è riuscito a coniugare il lavoro di campo con l’amalgama di un gruppo nuovo, lavoro per niente scontato da portare a termine e quindi bravo mister oltre che bravi i ragazzi a seguirlo e a migliorarsi fino al raggiungimento dell’obbiettivo.”.

Leave a Reply